NATURA NON NISI PARENDO VINCITUR

NATURA NON NISI PARENDO VINCITUR

Virtual Reality Earthquakes Experience

with arousal state feedback

Men live on Earth believing they can dominate it but the universe giving us hospitality actually is not at all anthropocentric. Natural phenomena put man in his proper place and make him realize that he is not the centre but at the centre of an unknown whole. During an earthquake, when the earth is shaking, even the convictions of the individual begin to waver so that he gets lost as all his desires and it only gives place to anguish. This is the sense of ” non nisi parendo vincitur ” : we could only live accepting the limit that nature is giving us and this limit will allow us to  desire. The experience of the earthquake condenses this limit into an endless instant.

 ” Natura non nisi parendo vincitur ” is an interactive installation of Virtual Reality that will be at the  QORIKANCHA  museum in Cusco, Peru from the 2nd to the 7th of December 2014.
Visitors will have the possibility to plunge into a virtual reality experience using an Oculus Rift helmet and to feel the sensation of immobility and destabilisation typical of a natural phenomenon like an earthquake. The data will be processed real-time by the system using the related Open Data found on line. Some sensors connected to the fingers of the hands will measure and monitor the nervous system reactions through the galvanic skin response; the collected data will be mapped real-time and would modify the virtual background . At the end, the data will be published on the web as images with a gradient between blue and red to show how the nervous system reacts to the stimuli produced by the interactive system, passing from a state of relaxation to agitation.VR-with-Rob (1)

ditaleVR

perù

1


ITA

L’uomo vive sulla terra credendo di poterla dominare, l’universo che ci ospita invece non è assolutamente antropocentrico. Con alcune manifestazioni della natura, l’uomo è rimesso al suo posto e si rende conto di essere non il centro, ma al centro di un tutto sconosciuto. Nel terremoto, nel momento in cui la terra trema, vacillano anche i riferimenti del soggetto che viene così a perdersi, insieme ai suoi desideri, lasciando spazio soltanto all’angoscia. In questo consiste il senso del ” non nisi parendo vincitur ” ovvero nel riuscire a vivere soltanto accettando il limite che la natura ci pone, limite che ci permette di desiderare. L’esperienza del terremoto condensa questo limite in un interminabile istante. ” Natura non nisi parendo vincitur ” è una installazione interattiva di Realtà Virtuale, che si terrà presso il museo QORIKANCHA a Cusco, Perù dal 2 al 7 Dicembre 2014. I visitatori avranno la possibilità di provare un’esperienza immersiva di realtà virtuale utilizzando il casco Oculus Rift e provare la sensazione di immobilità e destabilizzazione che si ha durante un evento naturale come il terremoto; I dati saranno eleborati in tempo reale dal sistema utilizzando i relativi Open Data presenti in rete. Dei sensori collegati alle dita delle mani permetteranno di misurare e monitorare la risposta del sistema nervoso, attraverso la resistenza elettrica cutanea (Galvanic Skin Response); i dati così ottenuti verranno mappati in tempo reale e modificheranno lo scenario virtuale. Infine saranno pubblicati sul web sotto forma di immagini con un gradiente tra il blu e il rosso, mostrando come il sistema nervoso reagisce agli stimoli generati dal sistema interattivo, passando da uno stato di rilassamento ad uno di eccitamento (Arousal).

3Un progetto di : Roberto Fazio
Audio : Von Tesla ( Marco Giotto)

Il progetto è supportato daMuseo QorikanchaRaul Arrospide ArquitectosUDOO, Maurizio Caporali, Andrea Rovai, FabLab Pisa, TOI (thingsoninternet), Daniele Mazzei, Gualtiero Fantoni, Giacomo Baldi, Alessandra Guida HiWhim Collective

RingraziamentiGianluca Macaluso, Adriano Bertini, Pedro Gennai, Luca Marchetti (Studio Evil), Cristiano Lastrucci, Giulio Todini, Mauro Ferrario

2